marostica notizie

LA CONFRATERNITA DEL CAFFÈ CON FUTURA PRESIDENTE LA SEMPRE PIÙ FINTA “FOLKLORISTICA” CUMAN È SIMILE A QUELLA DEL COTECHINO

Ci eravamo illusi. Pensavamo che dalla riunione dello scorso anno dell’assemblea aperta del Centro Sudi Prospero Alpini scaturissero delle idee da discutere attentamente in una successiva riunione. Il tutto per trovare una soluzione ottimale con un aperto brain-storming.Noi nello scrivere un libro divulgativo su Prospero Alpini con le modalità di un giallo, cosa che aveva suscitato entusiasmo nella riunione, ci siamo impegnati e abbiamo quasi completato il lavoro. Ma ne avevamo verificato il gradimento con un pubblico coinvolto nel problema.La Cuman con i suoi quattro adepti è andata avanti per la sua strada che semplicemente copia iniziative già in essere e di cui il Cortese è il pluridecorato socio di confraternite, ma non propone nulla di innovativo. Diventa pseudo folklore ed aggiunge divise alle divise che ci sono già per la Partita degli Scacchi. E poi il gruppo sarà sempre il solito, “ristretto” come un certo tipo di caffè.Finto folklore insomma, nulla di più. Una mascheratura del Centro Studi Prospero Alpini che dal cielo probabilmente non crede ai propri occhi di certe stupidate.
Noi avremmo invece ragionato più sulla formula di un Club aperto ai cittadini ed ai visitatori di Marostica. Un Club del Caffè “Prospero Alpini” con preziosa tessera e vari gadget e con uno sviluppo di iniziative tutte da inventare. E con la prospettiva di titolare Marostica come città degli scacchi e del caffè.Tra l’altro pensando anche alle piante medicinali, non solo al caffè.
Avremmo insomma desiderato la presentazione di idee piuttosto che una carnevalata utile a dare un’altra carega ai soliti noti oltre che la solita visibilità politica. Roba che non ha nulla a che vedere con il marketing culturale e turistico.
Questa è la ragione per cui Marostica resta ferma. Non c’è confronto di idee e quindi Cultura. Sono sempre i soliti “noti” a senso unico, che fanno e disfano, in questo caso probabilmente con i soldi dei soci della Volksbank e con chiari conflitti di interesse dati i soggetti implicati.
Osservatorio Economico Sociale di Marostica