marostica notizie

PER DUEPUNTI EVENTI IL BUSINESS È “MAROSTICA SUMMER FESTIVAL” E SI TRASFERISCE IN CITTÀ. IL COMUNE È SOGGETTO PASSIVO.

Ci siamo sempre chiesti quali erano i rapporti contrattuali tra Comune e l’organizzazione di “Marostica Summer festival”. Poi scopriamo che recentemente il Comune ha autorizzato il trasferimento della convenzione da Due Punti Srl di Thiene a DuePunti Eventi, nuova società con sede a Marostica.Siamo così risaliti alla convenzione originale che è stata approvata il 9 maggio 2019 e prevede la durata di 3 anni a partire dal 2020 con possibilità di proroga di due anni.Viene previsto l’utilizzo esclusivo di Piazza Castello e di aree e/o edifici pubblici necessari allo svolgimento della manifestazione nel mese di luglio. Inoltre vengono previsti anche eventi biennali nel mese di settembre in concomitanza con la Partita a Scacchi.Tutto è a carico di DuePunti Eventi ed il costo per gli spazi comunali è solo in base alla tassa di occupazione prevista dal Regolamento comunale. DuePunti inoltre ha la disposizione gratuita dei parcheggi Opificio e Stazione durante le manifestazioni.L’unico vincolo posto dal Comune è l’esclusività del programma per la Provincia di Vicenza.Non esiste alcuna possibilità di intervento da parte di chi svolge attività economica nella piazza. E sappiamo le polemiche che ci sono state per le modalità di chiusura della stessa.Il Comune svolge quindi un ruolo esclusivamente passivo, mentre è Valerio Simonato, responsabile di DuePunti che fa e disfa. Bravo lui, che come imprenditore ha scoperto le potenzialità della Piazza degli Scacchi per un evento musicale che ormai si può dire affermato a livello regionale e forse un po’ nazionale e a cui il Comune dovrebbe collegare delle iniziative, se ne è capace e di cui dubitiamo data l’assenza di competenze.
Può essere solo ironicamente l’occasione per il trio della Fondazione Volksbank Xausa, Cuman e Cortese di fare un’altra Accademia o Confraternita. D’altra parte non sanno fare altro nell’ambito della promozione economica.
Osservatorio Economico Sociale di Marostica