marostica notizie

IL SINDACO MOZZO DEVE RESTITUIRE 69 EURO. LO PRETENDE IL “LIGIO” DAL ZOTTO.

Il problema del controllo dei costi è importante per una azienda privata figurarsi per una pubblica, come un Comune. È evidente che per evitare arbitrii, come per esempio per i rimborsi spese, tutte le procedure di costo devono essere soggette ad una precisa normativa.

Ora accade che il Sindaco vada a pranzo con il suo vice Scomazzon e con dei tecnici esterni per la redazione del Pat, ma tale spesa culinaria sembra non possa essere riconosciuta dal Comune secondo il rigoroso “controllore” Dal Zotto. Quindi il Sindaco è invitato tramite apposita “determinazione” a firma appunto del Capo Area a versare in banca Volksbank sul conto della Tesoreria del Comune il non dovuto rimborso pari a 69 euro, già pagato con carta di credito comunale a disposizione di Mozzo, entro 30 giorni.

Peccato che il solerte Gabriele Dal Zotto non si sia accorto di altri costi fuori norma.
In primis le spese folli, per querele intimidatorie contro la libertà di espressione e perse con sentenza del Tribunale sfavorevole al Comune, per il costo in avvocati di circa 7.000 euro. A nostro parere si tratta di costi per vendette personali contro dei cittadini, che non hanno alcun senso civico e morale e che andrebbero rimborsate da chi le ha attivate.

Poi il pagamento di 890 euro, tanto per citare un altro costo recente, per il biglietto aereo del Sindaco per il Brasile. Siccome siamo grandi viaggiatori sappiamo che ormai i biglietti aerei si comprano su internet, non certamente in agenzia come fatto nel caso dalla Pro Marostica, e quindi abbiamo verificato il costo per Venezia – San Paolo del Brasile. Ebbene il prezzo oscilla per andata e ritorno è sui 600-650 euro, non certamente 890, quindi un ben oltre il 37% in più, come il biglietto pagato dalla Pro Marostica e rimborsato dal Comune.

Questo discorso delle spese comunali è stato e sarà nostra cura sottoporlo sempre ad un attento monitoraggio. Perché sono tutti soldi nostri!

Osservatorio Economico Sociale di Marostica