marostica notizie

UNA GIUSTIZIA DEI BALOCCHI PER ZONIN & CO.

Sembra incredibile che lo Stato, e cioè noi, rimborsi in parte le perdite ai risparmiatori senza alcuna rivalsa nei confronti di Zonin e consorteria. Zonin che per quasi venti anni aveva utilizzato la Popolare di Vicenza per sviluppare i suoi affari mettendo poi sul lastrico migliaia di risparmiatori, addirittura presenta una memoria in cui denuncia il complotto contro di lui di una “struttura occulta” creata da Sorato, direttore generale e dal vice Giustini, per impedirgli il controllo della banca. Come se non li avesse assunti lui per la loro fedeltà!

Inoltre la trasformazione in Spa della Banca è servita nell’assemblea di marzo 2016 a stoppare l’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori Zonin & Co.: gli “amici” hanno ancora pesato fregando gli allocchi che hanno perso il voto per persona della Popolare come cooperativa che avrebbe portato sicuramente all’azione di responsabilità.

Ma quello che più stupisce nella vicenda è l’assenza della Giustizia. Non esiste nessuna vera azione di sequestro dei beni dei responsabili (amministratori, Sindaci, società di revisione, dirigenti di Banca d’Italia, Consob, faccendieri, ecc.). Il Procuratore Cappelleri dichiara addirittura che quei sequestri non erano possibili, poi clamorosamente smentito. Intanto però i responsabili cedono a amici e parenti il loro patrimonio per diventare quasi nullatenenti.

Il tutto è una clamorosa presa per i fondelli dei cittadini che pagano due volte: l’”agevolato” salvataggio della Popolare assorbita da Intesa San Paolo e parte delle perdite dei risparmiatori.
E Zonin & Co. vissero felici e contenti dopo decenni di goduria gratis alla memoria dei due ineccepibili personaggi che avrebbero dato sicuramente gloria alla Popolare, Nardini e Ferretto, precedenti Presidente e Vice, fatti fuori in modo ignobile da quella parte di Confindustria che elesse per anni suo vero capo Zonin. Ma abbiamo il dubbio che lo sia ancora oggi, date le vicende.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica