marostica notizie

I “FORESTI” COMANDANO A MAROSTICA. SCOMAZZON DI MASON E COLOSSO DI VILLAVERLA. SIAMO ALLA FRUTTA.

Dopo la botta di Italia Nostra al progetto del nuovo ristorante al Castello Superiore, Valentino Scomazzon stenta a riprendersi, anche se ha fatto intervenire l’esperto di vini Matteo Mozzo all’occasione trasformatosi in “architetto” per giustificare il tutto.
Ma non si poteva discuterne prima in assemblea pubblica invitando vari esperti? Se come afferma Mozzo non esistono particolari vincoli urbanistici per il ristorante in quanto struttura recente, non andava a maggior ragione pensata una soluzione brillante? Magari con un concorso di idee? Invece ci si affida solo all’arch. Furlanetto. Per carità brava dipendente comunale, anche ad emettere fatture aggiuntive come professionista su lavori eseguiti come appunto dipendente comunale!

Il risultato del progetto non ha comunque una soluzione gradevole. Come rilevato da molti cittadini. Ma si sa ormai come viene gestito il Comune, soprattutto grazie ai “foresti”.
Scomazzon, geometra con studio a Mason, è da anni inserito in varie commissioni edilizie (prima a Nove poi a Mason), assessore alla “cementificazione” al primo Sindaco Bertazzo. Oggi di nuovo assessore. Insomma un vero “volontario” all’edilizia. Anche se qualche dubbio di forte interesse personale per la propria attività lo abbiamo. E poi dal 2006 è all’Ater, dove ha conosciuto il Colosso, pure lui in Consiglio di amministrazione per un po’ di tempo. Scomazzon è stato commissario straordinario fino 18/09/2018 e poi Presidente. È anche dal 2011 Presidente dell’Agenzia Regionale delle ATER del Veneto. Sempre restando geometra.

L’Ater di Vicenza ha ricavi nel 2018 per circa 11 milioni di euro con un utile di 616mila. La struttura ha 46 dipendenti di cui due dirigenti. Per il 2018 i compensi e rimborsi spese per il commissario straordinario sono stati 27.200€ e al presidente ed ai due consiglieri di amministrazione 14.585€.

Siamo adesso in attesa della progettazione definitiva del “minareto” – ascensore per accedere al ristorante del Castello Superiore. Suggeriamo all’entrata una degustazione di vini locali.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica