marostica notizie

MARIANGELA CUMAN: TI VUOI MASCHERARE DA ACCADEMICO DEL CAFFÈ?…..E ALLORA PAGA!

Abbiamo appreso che alcuni membri della incredibile invenzione dell’ “Accademico del Caffè “, partorita da menti secondo noi deliranti, per promuovere Prospero Alpini e la venuta, tramite il personaggio, del caffè in Europa nel lontano 1500 sono sull’agitato per non dire incazzati. Hanno ricevuto il conto da pagare: mantella “Made Bonotto” 150 euro, medaglione-patacca 50 euro ed iscrizione altri 50 euro. Il tutto per andare così mascherati anche al Pedrocchi a Padova a degustare il caffè. E farsi ridere dietro. Pare che il Sindaco abbia dovuto pagare, pure lui. Vorremmo conferma.
Niente sponsor quindi come pensavamo.

Insomma l’Accademia del Caffè partorita dalle fervida mente della Cuman con il supporto dei soliti Cortese e Xausa, dopo la sprecata occasione della manifestazione con l’ambasciatrice dell’Etiopia, fa le sue inutile parate.

Di utilità per sviluppare con iniziative turistiche la figura dell’importante medico-botanico Prospero Alpini al momento non c’è nulla. Noi avevamo suggerito di fondare un Club che raggruppasse i visitatori di Marostica tenendoli poi informati tramite internet delle iniziative. Da esplorare anche tutto il settore delle erbe medicinali con le quali l’Alpini curava i suoi pazienti ed in questo precursore della moderna farmacologia. Di cui è stato un eccellente interprete anche come direttore dell’Orto Botanico di Padova. L’idea potrebbe essere, nell’ambito farmacologico, di “copiare” quanto promosso dal Rotary Bassano-Marostica con l’iniziativa di Rara Pianta al Giardino Parolini a Bassano.
Per finire l’unico che ha “pompato” la cosa è Maurizio Vedovello: ormai la Casa del Caffè è quasi diventata la sede dell’Accademia. Buon per lui. Basta che non perda la testa emettendo certificati di laurea dell’Accademia, anche se albergatori in zona Bassano disposti a comprarli, dalla nostra esperienza, c’è ne sono. Hanno bisogno di una laurea patacca e già che ci siamo pure la Giunta di Marostica in cui nessuno ha un pezzo di laurea vera, tant’è che gestiscono il bilancio con i sassi delle Mura.

Insomma di carne sul fuoco c’è ne sarebbe, se ci fossero un minimo dì competenze di sviluppo di una idea, che in inglese si chiama marketing. Ma si sa l’inglese non è di tutti soprattutto di che vive di glorie passate e non capisce che il mondo è cambiato, meno pataccaro, con più cultura, difficile e molto più competitivo.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica