marostica notizie

IL MERCATO GIUDICA VOLKSBANK: – 30%. MA LA BANCA NON SI VERGOGNA A CONTINUARE CON L’OPERA PIA DI ROBERTO XAUSA, GIANDOMENICO CORTESE E MARIANGELA CUMAN?

Si tratta di un vero e proprio crollo del valore azionario. Questa possibilità era stata da noi paventata con l’articolo del 18 agosto scorso. Abbiamo fatto una impietosa analisi del bilancio Volksbank confrontato con un’altra banca operante nel Triveneto di analoga struttura patrimoniale. Volksbank ha un grave problema gestionale di bassa redditività ed elevato rischio nell’impiego delle risorse.

La Volksbank sembra comunque vivere in un mondo irreale. Ha atteso anni per mettere alla porta un consiglio di amministrazione che prometteva faville portando però sempre magri risultati.
A Marostica erano stati nominati consiglieri Bertacco e Cabion, a nostro parere senza reali competenze per coprire quell’incarico. E poi la storia della Fondazione Banca Popolare-Volksbank. L’Opera Pia che distribuisce prebende a pioggia con attore assoluto Roberto Xausa che recita la parte del “grande” benefattore con i soldi dei Soci Volksbank. E ricordiamo che su 370.000€ stanziati annualmente da Volksbank 70.000 se li pappano gli amministratori e probabilmente circa la metà il “Presidente” Xausa.

Ma che immagine viene ad avere Volksbank? A sentire in giro una banca che sperpera denaro. Una negatività che si somma a quella del bilancio.
A nostro parere i 370.000 euro andavano impiegati in 25-30 borse di studio per universitari della zona. Coinvolgendo anche professionisti ed imprenditori locali per un controllo e supervisione del percorso di studio dei borsisti.

Questa sarebbe la vera immagine di una banca che opera sul territorio e guarda al futuro. Personalmente da poveraccio che ero, ho potuto frequentare oltre 40 anni fa il Cuoa con una consistente borsa di studio offertami da un’azienda rimasta nell’anonimato. Credo di aver ricambiato, e di continuare a farlo, alla grande con il mio impegno professionale e sociale quella possibilità che mi fu offerta. Ed ho sempre portato grande riconoscenza per aver potuto intraprendere una carriera manageriale da me tanto sognata.

Ormai le continue apparizioni di Xausa sui quotidiani locali suscitano solo ilarità tra i cittadini. Ma lui neanche se ne accorge preso da una sua valutazione di se stesso che lo pone fuori dai tempi o meglio affine alla “vecchia politica” di quaranta anni fa, quella appunto delle prebende. Basta pensare che si crede così importante che oltre che mettersi sempre in prima fila, si è fatto persino riservare il posto con nome e cognome alla presentazione del libro di Oliver Stone. C’è ne siamo accorti girando per la sala alla ricerca di un posto libero. Ma noi siamo comuni mortali e non abbiamo bisogno imporre il nostro status.

E abbiamo quindi che Volksbank, con i dinosauri, sempre i soliti, vecchi e superati ex democristiani, Xausa, Cortese e Cuman, avvalla un simile operare. Ma che immagine di impegno e modernità dà la Volksbank? Non sarebbe ora di cambiare registro?

Osservatorio Economico Sociale di Marostica