marostica notizie

SCONTRO TRA PANICI E SCURO ALLA RIUNIONE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DELLA BIBLIOTECA.

Noi vi abbiamo partecipato in qualità di rappresentante degli Amici/Volontari della Biblioteca. Il tutto si è svolto via Zoom con oltre 30 partecipanti. È stata una riunione che ha chiarito le modalità di contribuzione alle varie associazioni da parte del Comune, anche se a nostro parere non si vuol semplificare la faccenda intestando tutte le spese alla Consulta che così risulterà unica intestataria di partita iva.

Poi all’unanimità è stata ammessa la nuova associazione Tavolo della Pace. La volta precedente era stata ammessa la lunga mano culturale del locale PD-Santini, Marostica Partecipa.
Noi nel momento in cui il Sindaco ha proposto una App culturale abbiamo suggerito di mettere on line la rivista Cultura Marostica e a questa agganciare le varie iniziative culturali a Marostica, valorizzando e semplificando la comunicazione. Il Sindaco ha dimostrato interesse alla nostra proposta a nome dei Volontari/Amici della Biblioteca.

Ma lo scontro c’è stato quando è intervenuto Scuro. Lui ha sempre propugnato che la cultura deve essere l’esempio del pluralismo delle idee e non della censura attraverso una “linea politica”. Cosa che è avvenuta per un suo scritto per Cultura Marostica. Certo Scuro fa l’errore di intervenire in modo troppo personale, quasi sembrando l’unica fonte di verità a Marostica. Dovrebbe essere un attimo più oggettivo. Però nella sostanza ha ragione. Abbiamo avuto una esperienza analoga addirittura con chi a Marostica si ritiene depositario dell’interpretazione corretta dell’art. 21 della Costituzione italiana.

Imbufalito è intervenuto Panici, come Presidente della Biblioteca, che si è scocciato dall’essere definito da Scuro un forestiero a Marostica. E con una retorica da grande attore ha elencato le grandi iniziative intraprese dalla Biblioteca negli ultimi tempi della sua gestione, specialmente in favore dei bambini.

Comunque una riunione proficua, con un Sindaco che sembra interessato a sviluppare una seria politica culturale, ben diretta dalla Presidente della Consulta Angelina Frison e che ha ancora una volta dimostrato la ricchezza associativa di Marostica.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica.