marostica notizie

INVITO AI CITTADINI DI MAROSTICA A PRESENTARE QUERELA CONTRO IL SINDACO MATTEO MOZZO PER OMISSIONE DI ATTI DI UFFICIO. NON SIATE CONIGLI, NON COSTA NIENTE, BASTA ANDARE DAI CARABINIERI.

Non è che ci crediamo molto, in quanto dobbiamo ammettere di essere circondati da conigli. Solo qualche rarissima eccezione. Tutti bravissimi a fare i leoni da tastiera quando si parla delle più assurde situazioni politiche nazionali ed internazionali. E dargli adosso a Conte, a Salvini, alla Merkel, a Trump, al Papa, ai cinesi, ai russi. Ma quando si entra nel giardino dove si vive…tutti conigli per difendere non si sa che cosa. Il posto di lavoro, la faccia, il non volersi compromettere, restare amici di tutti anche se ti trattano da coglione. La scelta è ampia. Però noi crediamo che senza chiarezza e legalità non si va da nessuna parte.

Venendo meno l’impegno elettorale primario assunto da Mozzo di fare chiarezza sul bilancio, dopo la politica di insabbiamento della Dalla Valle, sarebbe ora di tirar fuori un minimo di dignità e querelare l’attuale Sindaco almeno di omissione di atti di ufficio. La situazione è palese e chiara a tutti. Per il cambio di gestore del gas non si doveva pagare niente. Altro che 920.000 euro! È ancora tutto tace.
La Dalla Valle stessa, in un momento di debolezza, confessò che si trattava di un appalto truccato. Ma allora era controllata ed impaurita. In realtà l’appalto lo aveva firmato Scettro e pure lui fece delle dichiarazioni assurde.

Noi abbiamo atteso tempo per fare questo invito perché credevamo in Mozzo e poi, diciamo la verità, soprattutto dovevamo dimostrare che le querele indecenti ed intimidatorie che ci erano state fatte le avremmo vinte. Come di fatto è avvenuto. Non potevamo fare inviti ad associarsi quando era tutto da decidere e poi non volevamo mettere troppa carne sul fuoco.

Invitiamo quindi ora i cittadini di Marostica a presentarsi dai carabinieri e fare un bell’esposto appunto per omissione di atti di ufficio, utilizzando anche l’articolo che alleghiamo.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica