marostica notizie

ABB A MAROSTICA TRADISCE I SUOI VALORI E VUOLE SPUTTANARSI, MENTRE LA DONAZZAN CANTA “FACCETTA NERA”. SIAMO AL CIRCO BARNUM?

Siamo veramente sconcertati. Una grande multinazionale svizzero-svedese con un fatturato annuo superiore ai 28 miliardi di dollari e con elevati profitti, chiude una piccola realtà locale mettendo sulla strada un centinaio di dipendenti. Incapace di operare una semplice ristrutturazione e sceglie la facile strada della delocalizzazione per guadagnare di più.

Noi siamo andati a vedere quali solo i valori di ABB, ben evidenziati nella presentazione dell’azienda:
1. Coraggio
2. Attenzione
3. Curiosità
4. Collaborazione
Insomma ABB vuol essere esempio nel fare business e nel comportamento, credendo nella collaborazione intelligente delle persone.

Abbiamo guardato anche i giudizi che all’impresa danno gli attuali dipendenti e gli ex. Sembra che in generale a livello internazionale i dipendenti si sentano motivati dal lavoro e siano abbastanza soddisfatti dell’azienda.

Allora perché ABB a Marostica vuol tradire i suoi valori? Perché è una fabbricchetta marginale nel contesto complessivo dell’azienda? Perché tanto sindacati e politici a livello locale non contano un tubo?
Vorremmo capirlo, però intanto la faccenda è veramente deplorevole e vergognosa.

A maggior ragione quando nel Veneto abbiamo anche una Donazzan assessore al lavoro dichiaratamente fascista, contro la legge ed i principi antifascisti della nostra Costituzione, che canta “faccetta nera” sulla pelle dei lavoratori.
I responsabili ABB nella foto, mai canterebbero una simile canzone!

Ma la nostra Società veneta, che tanto si vuole esaltare per il suo glorioso passato, sta proprio diventando un Circo BARNUM dove tutto è permesso senza un minimo di moralità?

Osservatorio Economico Sociale di Marostica