marostica notizie

ARRIVA IL ROTARY CON UNA INIZIATIVA CORALE DI PERSONE “ECCELLENTI”. E’ LA FINE DEI SOLITI INDIVIDUALISTICI TROMBONI. E PARTE IL RESTAURO DEL TABERNACOLO DEL MARINALI IN SANTA MARIA ASSUNTA A MAROSTICA.

Abbiamo appena chiuso Zoom con la serata del Rotary promossa dal Presidente marosticense Renato Graziani. Una cinquantina i presenti.
Ci sentiamo gratificati di una simile riunione in cui hanno partecipato personaggi di Bassano, Marostica e dintorni che rappresentano l’eccellenza in termini culturali del nostro territorio e che si sono fatti promotori delle iniziative per il trecentesimo anniversario della morte di Orazio Marinali, uno dei più grandi scultori di epoca barocca e le cui sculture sono disseminate nel nostro territorio.
Il Rotary sposa una strategia di lavoro con spirito di squadra e di valorizzazione del territorio con soprattutto riferimento a Marostica, Bassano, Possagno, Asolo, Castelfranco e Cittadella che supera la logica del paesetto o di iniziative di totali incompetenti come quella vergognosa e ormai defunta di Territori del Brenta.

Marostica fa la sua bella figura con il Presidente Graziani promotore dell’iniziativa con, per citarne alcuni, la Dr.ssa Claudia Caramanna, studiosa del Marinali, la Dr.ssa Antonella Mattinato, restauratrice, la Dr.ssa Barbara Guidi, direttore del Museo, l’Arch. Andrea Minchio, editore, il fotografo Fabio Zonta, l’assessore alla Cultura di Bassano Giovannella Cabion, che ci auguriamo informi prontamente l’assessore alla Cultura di Marostica Matteo Mozzo, non invitato. Chissà perché.

Intanto il Rotary sponsorizza il restauro del tabernacolo del Marinali patrimonio della Chiesa di Santa Maria Assunta a Marostica. I lavori cominceranno ai primi di marzo.

Ricordiamo che al museo di Bassano apre la mostra sui Marinali fino al 2 maggio 2021.

“Il percorso della mostra si sviluppa a partire dalla Galleria Civica dove, all’interno di quindici teche, sono disposti i disegni e i bozzetti in terracotta dei Marinali patrimonio delle collezioni museali bassanesi. Molti di questi sono abbinati con rimando fotografico all’opera scultorea finita. A congiungere idealmente i disegni e gli studi in terracotta conservati nelle collezioni museali alle statue eseguite per la città di Bassano del Grappa dai Marinali, sono gli scatti realizzati da Fabio Zonta, fotografo bassanese che ha all’attivo diverse collaborazioni anche a livello internazionale. Il suo sguardo sensibile isola le sculture marinaliane dal contesto in cui sono collocate, dandone una visione ravvicinata e suggestiva che ne esalta virtuosismo tecnico e carica espressiva. Queste immagini sono propedeutiche al successivo incontro ‘dal vivo’ con quelle stesse opere integrate nello scenario urbano”

Non ci resta che augurarci che sempre più la “politica” utilizzi le competenze presenti sul territorio, elaborando anche una iniziativa di sviluppo turistico in linea con quanto già delineato nel progetto “Esagono” da anni accantonato in un cassetto.
Osservatorio Economico Sociale di Marostica