marostica notizie

LE DIFFERENZE DI PREVENZIONE TRA ITALIA E MESSICO PER IL COVID.

Se guardiamo l’indice di mortalità tra Italia e Messico, scopriremmo che sulla popolazione la mortalità è inferiore in Messico che in Italia. Certo che in Italia incide pesantemente la mortalità in Lombardia che arriva a circa il 28% del totale nazionale. È quasi sparita una generazione di 80enni. A mio parere in Italia si è fatto lo stop and go, invece di mantenere costanti e rigide norme di prevenzione. In Messico non ho mai visto assembramenti come dalle foto in Italia. Ne’ tantomeno sentiti partiti gridare che è ora di aprire tutto. I governatori dei vari stati messicani hanno deciso in base alle informazioni sanitarie.

Qui nessuna attività è stata mai chiusa completamente e gli alberghi hanno il limite della capienza massima del 66%. Inoltre nei ristoranti i tavoli sono ben distanziati. Bus ed aerei viaggiano normalmente. L’unica grande differenza con l’Italia sono le scuole sempre chiuse e mai aperte. Funziona la didattica on line soprattutto per le scuole superiori e ovviamente per gli studenti che hanno il pc.
Certo in molte attività economiche hanno ridotto lo stipendio, Non esiste alcun intervento dello Stato a supporto dei cittadini in difficoltà. A mia moglie, essendosi quasi fermato il settore immobiliare, il taglio dello stipendio è stato del 50%, agli insegnanti intorno al 40%. Teniamo conto che molte scuole, soprattutto superiori, sono private. Per fortuna il costo della vita è il 33% rispetto all’Italia ed il peso si è svalutato di circa il 20% rispetto allo scorso anno.

Insomma il Messico non si è mai veramente fermato, adottando solo dei normali vincoli di sicurezza. L’attività turistica con il continuo arrivo dei turisti americani non si è mai realmente arrestata.

Sono anche iniziate le vaccinazioni con tutte le possibilità in essere. Quindi con vaccini in arrivo soprattutto da Russia e Cina, data la loro economicità. La suocera, potendolo fare, ha raggiunto in aereo il figlio a Sant’Antonio in Texas, dove lavora e risiede con la famiglia, e si è fatta vaccinare con il Moderna.

Adesso ho il problema del rientro. Farò il test di negatività 48 ore prima e poi vediamo l’accoglienza in Italia, sperando che non ci sia ulteriore quarantena, essendo già immunizzato per via del Covid preso in forma leggera e fortunatamente guarito.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica