marostica notizie

CHIARA LUISETTO, NOTA POLITICA MA INUTILE PASSACARTE DELL’OGD TERRE VICENTINE. MA CHE C’ENTRANO BASSANO E MAROSTICA CON VICENZA?

Le Organizzazioni di Gestione della Destinazione (O.G.D.) sono gli organismi costituiti a livello territoriale ai sensi dell’art. 9 della l.r. n. 11/2013 da soggetti pubblici e privati per la gestione integrata delle destinazioni turistiche del Veneto e la realizzazione unitaria delle funzioni di informazione, accoglienza turistica, promozione
e commercializzazione dell’offerta turistica di ciascuna destinazione. Ora troviamo Bassano e Marostica aggregate a Vicenza, quando dovrebbero essere aggregate a Pedemontana Veneta e Colli con appunto tutti i comuni del nord vicentino.
C’è anche il fatto che il progetto presentato nel 2016 a firma Chiara Luisetto per Terre Vicentine, come consigliere delegato della Provincia, ed elaborato da Vicenzae’, è semplicemente ridicolo, mentre il progetto per Pedemontana Veneta e Colli firmato dall’Università di Venezia Ca’ Foscari è ben fatto ed include ovviamente Bassano e Marostica. Naturalmente progetto rimasto finora lettera morta, non operativo, in attesa di spiluccare altri soldi dalla Regione con la solita politica del carciofo.

Infatti mentre il progetto presentato dalla Luisetto è semplicemente un elenco di offerte turistiche, quello di Pedemontana Veneta entra nel merito utilizzando i dati di PaesiOnLine.it, secondo portale di informazione turistica in Italia, Booking e Tripadvisor, siti di prenotazioni alberghiere che anche raccolgono il parere dei clienti, informazione indispensabile per un progetto di marketing turistico.

È evidente che nel campo turistico in regione Veneto regna la confusione più totale con impostazione di progetti tra di loro contrastanti, invece di avere uno schema unico, e finanziamenti a pioggia dissociati da una logica operativa. Ne è stato esempio in zona la fantomatica attività di Territori del Brenta.

Ma cosa dice l’analisi dell’Università di Venezia che riteniamo ancora attuale?
In pratica oltre ad affrontare l’offerta turistica analizza la situazione dei flussi turistici. Pedemontana nel 2014 rappresenta il 4,7% degli arrivi in Veneto con una presenza media di 2,4 notti rispetto a 3,8 per il Veneto. Gli arrivi rispetto all’anno precedente sono però cresciuti del 5,7% rispetto ad un 1,74% della regione.
I turisti sono per il 56,6% dall’Italia, per il 33,7% dall’Europa e per il 9,7% dai Paesi extra-europei. Il 79,3% utilizza gli alberghi.

La Pedemontana è consigliata in ordine di preferenza per la gastronomia, una vacanza a contatto con la natura e per la cultura e l’arte.
Le località più popolari in ordine espresso sono Bassano, Asolo, Vittorio Veneto e Marostica. Quelle più apprezzate sono in ordine Arqua’ Petrarca, Bassano, Asolo, Vittorio Veneto e Marostica.
Le tabelle allegate riportano poi le motivazioni per una visita con anche la prima attrazione.
Infine abbiamo il giudizio sulle strutture ricettive.

La sintesi finale del rapporto si articola in punti di forza e debolezza. È evidente che non esiste una identità turistica Pedemontana e che il nome è, per ora, associato all’autostrada. Quindi non c’è un posizionamento di zona, se non quello di singole località.
Il territorio collinare diventa però veicolo identificativo riconoscibile all’interno dell’offerta turistica del Veneto.
Il territorio inoltre presenta un patrimonio architettonico e storico ricco e diversificato con la presenza di capolavori riconosciuti internazionalmente. Punto forte è poi la presenza di prodotti enogastronomici d’eccellenza.
Infine sono presenti numerosi percorsi di cicloturismo e soft trekking collegati anche con i grandi circuiti internazionali.

Chiara Luisetto ti invitiamo a sorridere di meno, a lavorare molto più seriamente ed a non firmare documenti se non hai le giuste competenze per valutarli. E muoviti per dare la giusta collocazione di Bassano e Marostica nella Pedemontana Veneta e Colli in accordo con i Sindaci “dormienti” Pavan e Mozzo.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica