CARLOTTA CRESPI DEL COMITATO PROMOTORE DI RADICI FUTURE CONOSCE IL BUSINESS, MA NON LA DEMOCRAZIA CON LA LIBERTÀ DI OPINIONE

Con il nostro articolo sul convegno di Radici Future facciamo una banale considerazione: le ideologie come insieme di idee esistono eccome e determinano le scelte di comportamento nella difesa dell’ambiente, nell’economia circolare e nell’etica dell’impresa. E queste scelte non possono riguardare singole situazioni aziendali, ma coinvolgere l’intera società con scelte politiche precise.
La Crespi contesta il titolo del nostro articolo in cui affermiamo che tale iniziativa è una operazione di Relazioni Pubbliche dell’Associazione Industriali e ci accusa di malafede o desiderio di strumentalizzazione per parlare di altro. Alla nostra risposta un po’ scocciata (“balle”), ci accusa di turpiloquio di chi non ha argomenti. E poi svolgendo personali indagini afferma: “Nel frattempo mi hanno informato che ragionare con Lei è una battaglia persa in partenza quindi…saluti e a mai più…”
Solo perché avevamo chiesto un suo articolo di replica.
Poi guardando LinkedIn, il sito che riporta il curriculum delle persone, abbiamo capito tale arroganza.
La Dr.ssa Carlotta Crespi si è laureata a Milano e poi ha conseguito l’Executive Master presso la Bologna Business School. La sua carriera si è svolta in Nielsen, nota società di ricerche di mercato. Ora è VP Global Analyts Commercial Lead. In pratica analizza il business delle aziende con le sue variabili.
Infatti si ferma alle variabili micro. In sostanza quanto sono belle queste aziende che sono etiche, innovative e si comportano molto bene. La variabile macro, cioè come fare in modo che tutte le aziende siano etiche e si comportino bene, anche mettendo a fuoco la vera realtà del comportamento delle aziende (che potrebbe rivelare una situazione più positiva di quello che sembri), magari attraverso una apposita ricerca la spaventa. Perché sarebbe trarre delle conseguenze e fare politica. E poi analisi simili non sono nel suo curriculum.

Per questo ci accusa che con noi non si può ragionare. Che è un’altra balla.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica

FINALMENTE SI INFORMA CON CHIARA BERTACCO SULLE POTENZIALITÀ TURISTICHE DI MAROSTICA: ERA ORA

“Allo scopo di creare maggiore consapevolezza presso gli operatori riguardo la potenzialità e la ricchezza del territorio, in collaborazione con il manager del distretto del commercio, è stato pensato un incontro formativo rivolto agli operatori del commercio, dell’artigianato e dell’agricoltura”.

L’incontro si è svolto a fine settembre con relatrice Chiara Bertacco, guida turistica locale. Ci auguriamo che questa attività di informazione e coordinamento non resti a se stante, ma trovi poi applicazione pratica e possa sviluppare interessanti prospettive commerciali e lavorative soprattutto tra i giovani. Occorre però un progetto flessibile in base alle opportunità ed una comunicazione che coinvolga soprattutto la realtà veneta.

E questa promozione riguarda soprattutto la Pro Marostica, anche se riconosciamo le difficoltà odierne a trovare un nuovo Presidente al posto del geom. Simone Bucco, implicato nell’approvazione come assessore della ignobile truffa dell’appalto del gas e che per un minimo di moralità deve dimettersi. Ma forse tutto il mal non nuoce con una pulizia generale.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica

RADICI FUTURE È SOLO UNA OPERAZIONE DI RELAZIONI PUBBLICHE AD OPERA DELL’ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI DI BASSANO E VICENZA SENZA VERE E CONCRETE “IDEE”

Sono passati circa 50 anni da quando partecipavo al Comitato di base degli studenti di Chimica. Avevamo appena ottenuto l’avvio del corso di Nocività ambientale in accordo con Medicina del lavoro. Per capire la pericolosità o meno dei processi e delle sostanze chimiche. Ma al Comitato si discuteva di politica, di diritto allo studio, di prospettive professionali. Chiaramente anche con varie motivazioni ideologiche.

L’altro giorno ho partecipato per la prima volta all’iniziativa Radici future per “la sostenibilità, l’economia circolare e l’etica dell’impresa”, promosso in particolare da Andrea Visentin, past Presidente dell’Associazione Industriali di Bassano. Quello che stupisce è la presentazione delle imprese come fosse un mondo a parte che ha capito che deve comportarsi bene per salvare il mondo. E questo viene esplicitato anche da Laura Dalla Vecchia, Presidente di Confindustria Vicenza, affermando che la transizione ecologica è “urgente, e quindi necessariamente rapida, ma che faccia attenzione a guardare oltre alle ideologie di parte e che quindi sia guidata dalla razionalità, dalla scienza e dalla ricerca”.
E qui casca l’asino. Perché l’ideologia è “il complesso delle idee e delle mentalità di una società o di un gruppo sociale in un determinato periodo storico”. La razionalità, la scienza e la ricerca sono la conseguenza della “ideologia” che pervade la società. Cioè delle idee che circolano. Che poi il progetto di ottimizzazione delle imprese in funzione di una sostenibilità ambientale e rispetto delle persone, sia valido non ci corre dubbio.
Ma le scelte sono sempre politiche e quindi ideologiche. Basta citare la Pedemondana, assolutamente uno sfregio ambientale. O il controllo dell’inquinamento. O la vicenda della Popolare di Vicenza. Non esistono due mondi separati. Le imprese dovrebbero fare politica impedendo e denunciando l’ulteriore deterioramento dell’ambiente, gli sprechi assurdi di denaro pubblico. Un po’ il contraltare economico-razionale per costruire una Società di benessere per tutti.
Invece si fanno convegni per esaltare singoli comportamenti eccellenti di imprese, perdendo di vista l’insieme delle problematiche e della società. Che è poi la maturazione di ideologie sociali di vivibilità e giustizia sempre soffocate in questi anni dalla logica dei schei. Di cui la maggior parte delle imprese è ben lungi dall’essersi emancipata per una logica di sviluppo (e profitto) etico e sostenibile.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica

DOPO IL CROLLO DELLA LEGA A MAROSTICA QUALI PROSPETTIVE PER IL PROSSIMO SINDACO?

Riteniamo che la situazione politica di Marostica più che drammatica è ridicola. Siamo in mano a un gruppo di persone incompetenti e senza autorevolezza. Chi possiede competenza ed autorevolezza fugge dall’impegno politico locale, in contrasto con quello che è avvenuto per decenni portando incredibili risultati. In primis la Partita a Scacchi.
Abbiamo avuto politici (Bertazzo, Scettro, Bucco, Costa, Dalla Valle) che hanno avallato la truffa dell’appalto del gas con una perdita di 910.000 euro. E che tuttora non si vergognano di essere ancora presenti sugli scranni del Consiglio Comunale o come Bucco di essere Presidente della Pro Loco. Non possono essere condannati per i reati commessi perché probabilmente c’è la prescrizione.

Oggi abbiamo che un ragazzone senza competenze ed autorevolezza è Sindaco ed il suo massimo impegno è quello di cercare di farci condannare come “delinquenti dell’informazione” coprendosi di ridicolo.
La Giunta poi è in mano alla coppia Scomazzon-Colosso ben lontani dall’avere una visione progettuale della Città.
L’esempio più eclatante è la nuova fermata del bus: un pezzo di cemento sul terreno pagato l’incredibile prezzo di 275.000 euro.
I risultati delle ultime elezioni politiche a Marostica portano la Lega al 17,6%, praticamente un dimezzamento di voti. Il PD è al 15,1% con lo stesso discorso. Calenda è al 10,4%, i 5 Stelle al 4,6%. I neofascisti di Fratelli d’Italia hanno il boom con il 28,8%. Ma da quale personaggio sono rappresentati a livello locale?
Poi c’è il fenomeno interessante e tutt’altro che trascurabile delle varie liste Verdi, Bonino, Paragone, Vita tutte intorno al 3%. Insieme fanno un altro 12%. Che non è poco.

Evidente che a Marostica mancano i riferimenti politici dei voti espressi e ci sarebbe spazio per una Lista Civica seria che finalmente porti al governo di Marostica fuori dai soliti geometri e ragionieri ammanicati ed interessati ed alcuni non condannabili per prescrizione.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica

GIANNI SCETTRO DEVE DIMETTERSI DAL CONSIGLIO COMUNALE DOPO AVER FATTO APPROVARE LA TRUFFA DELL’APPALTO DEL GAS

Un minimo di moralità politica ci deve essere sempre. Scettro, essendo anche ragioniere nonché revisore contabile, che fa approvare in Giunta e poi in Consiglio Comunale una ignobile truffa a danno dei cittadini per 910.000 euro si deve dimettere.
Noi avevamo subito detto che l’appalto non era regolare per la troppa differenza tra la cifra valutata da Italgas e quella proposta dal Comune di Marostica. La nostra era una percezione professionale. Dopo la querela della Dalla Valle, che abbiamo accusato di coprire la faccenda e denunciato per omissione di atti d’ufficio, attendevamo le opportune indagini. Invece niente. All’avvicinarsi del processo per diffamazione, anche per provare con i fatti la nostra intuizione, abbiamo indagato.
E abbiamo scoperto che la truffa consisteva nel ridurre due volte, invece che ovviamente una sola volta, gli allacciamenti dei privati dal valore complessivo dell’impianto. Allacciamenti che per legge non possono essere considerati nell’appalto in quanto non pagati dal gestore. Con questo imbroglio di duplicare i soldi degli allacciamenti, il valore dell’impianto passava da 5,367 milioni a 3,015 con grande felicità del gestore subentrante che aveva un prezzo incredibilmente stracciato. Abbiamo anche detto che per esperienza casi simili nascondono tangenti. Certo che versamenti alla San Vincenzo non ne abbiamo trovati.

Chiaramente una truffa pagata poi per i soldi mancanti, 910.000 euro, dai cittadini. E motivata in modo banditesco in Consiglio comunale. Il tecnico della perizia comunica che era stata modificata la legge per cui gli allacciamenti non erano più detraibili. Una gigantesca falsità in quanto invece la legge continua a ribadire che i sodi pagati dai cittadini per gli allacciamenti non possono essere nella valutazione dell’impianto in quanto sarebbe un illecito arricchimento per il gestore che non li ha pagati. Anche uno stupido lo capisce.
Truffa molto grave e chiaramente studiata a tavolino. E fa ridere pensare che sia un errore di chi ha fatto la perizia. Il rag. Scettro i numeri li maneggia tutti i giorni ed è responsabile con la Giunta che ha deliberato del danno truffaldino arrecato alla Comunità. Si dimetta e sparisca dalla scena politica di Marostica.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica

RICEVIAMO DALL’INGHILTERRA…..A PROPOSITO DELL’AUTORE DELLA PARTITA A SCACCHI

Gentile Sig. Morello,

Qualche settimane fa ho avuto il piacere di visitare Marostica per il Summer Festival. Prima di visitare ho deciso di fare un po’ di ricerca sulla Sua città perché ho un grande interessa nella storia italiana. Ho fatto una laurea in Beni Culturali e lingua italiana all’Università di Cambridge, dunque passo un bel po’ di tempo facendo ricerca su argomenti simili. Ho letto tanto sulla Partita a Scacchi, ma infatti sembra che c’è un po’ di disaccordo sull’origine di quest’evento. Io sono inglese ma parlo abbastanza bene l’italiano, dunque ho letto articoli entrambi le due lingue. Sulla pagina Wikipedia inglese, è scritto che l’evento fu creato da Mirko Vucetich dopo la prima guerra mondiale, ma sulla pagina italiano è scritto che fu creato in 1954 da Ernesto Xausa.

Ho anche trovato due libri nella biblioteca – il primo era di Andrea Speziali, in cui è scritto che Vucetich è l’autore della partita. Il secondo era un libro inglese di D. Medina Lasansky che si tratta dei spettacoli medievali in Italia, ed in questo è scritto che Xausa sia il creatore della partita, ma il libro fa riferimento solo ad un’intervista con Xausa se stesso.

Ho deciso di fare più ricerca ed ho scoperto le Sue post su Facebook e Marostica Notizie, ed è chiaro che è appassionato di questo. Io voglio correggere le pagine Wikipedia, sia in inglese che in italiano e scrivere un articolo per sottolineare la verità. Ho pensato che sarebbe saggio di parlare con Lei perché sembra che vivendo a Marostica avrà più conoscenza della verità. Anche, ho voluto chiedere se i correzioni alle pagine Wikipedia saranno ben accettati dalla gente di Marostica, perché non voglio aggiungere al disaccordo.

Se non vuole parlare con me capisco completamente, ma devo dire che avendo letto tutto sono dell’opinione che Vucetich è l’autore vero della partita.

Grazie per tutto,
Signora Anna Ward

NOSTRA RISPOSTA:

Buongiorno sig.ra Ward. Grazie per il suo interesse per la Partita a Scacchi. Il problema è semplice. Vucetich è l’unico autore, tanto è che lui e gli eredi incassano i diritti d’autore. Se fosse vera l’esistenza del brogliaccio Xausa dividerebbe i diritti. È una invenzione del figlio Roberto Xausa per dare gloria falsa alla famiglia.
Gli articoli da me pubblicati sono esaustivi del problema.
Grazie ancora, cordiali saluti Alessandro Morello

ECCO LA GIUNTA DI DESTRA CHE A MAROSTICA HA FIRMATO L’APPALTO TRUFFA DEL GAS CON PERDITA DEL COMUNE DI 910.000 EURO

Oltre al Sindaco Scettro, al vice Sindaco Bertazzo ed a tre assessori su sei era presente il Segretario Generale Francesca Lora.
Inoltre per il “grande evento”partecipano: l’ing. Dona’ con la sua perizia giurata fatta con “scienza e coscienza” ed i consiglieri comunali Zanforlin, Dinale e Bertacco, oltre l’arch. Collicelli, responsabile tecnico del Comune, che fornisce informazioni sugli incontri fatti con Italgas.

E siamo il 9 aprile 2010. Nel successivo consiglio comunale i 15 consiglieri di maggioranza votano a favore dell’appalto con base d’asta truffaldina di 3.015.976,30 euro. Esprime voto favorevole, inspiegabilmente, anche il consigliere di minoranza Duccio Dinale.
Si astengono, forse intuendo qualcosa,: Bertacco, Maroso, Zampese, Zanforlin e Marchiorato.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica

LA FIGURA DI EMME DI MOZZO, BERTOLIN E DAL ZOTTO IN TRIBUNALE A VICENZA. COMPLETAMENTE FUORI LUOGO

Mercoledì scorso siamo stati convocati per la querela fasulla della Dalla Valle sull’appalto truccato del gas.
Era presente anche la combriccola Mozzo (Sindaco), Bertolin (assessore) e Dal Zotto (vice segretario). Erano in un angolo della sala e discutevano tra loro. L’impressione era di personaggi completamente spesati e fuori luogo. Che non sapessero dove erano capitati.
Infatti erano stati convocati come testimoni di una vicenda a loro sconosciuta, escludendo il Dal Zotto per ovvie ragioni di eternità nell’incarico. Testimoni citati per spaventarci. E loro si erano ovviamente prestati al gioco, senza probabilmente riflettere cosa stavano facendo, chiusi nella loro ridicola realtà di “potere” di Marostica.
Ma lo scopo di Mozzo & C. è di presentarsi in tribunale per annunciare la criminalità informativa di marosticanotizie.it e della pagina fb Marostica senza Censura. Cosa che al Giudice non può assolutamente interessare in quanto la discussione è sulla richiesta della Dalla Valle di punirci per diffamazione.

Poi la Dalla Valle non si è presentata in Tribunale senza che esistesse una comunicazione al riguardo suscitando le ire del Giudice che inizialmente ha accennato ad una convocazione coatta (con i carabinieri).
Poi è intervenuto il suo avvocato dicendo che la Dalla Valle aveva avuto un improvviso impegno elettorale. In realtà a nostro parere la Dalla Valle non ha voluto essere interrogata dopo il nostro articolo pubblicato il giorno prima. Sarebbe stata messa con le spalle al muro. Udienza ovviamente rinviata a febbraio. Cosa succederà adesso?

Osservatorio Economico Sociale di Marostica

ECCO PERCHÉ L’APPALTO DEL GAS DI MAROSTICA È TRUCCATO. I NOMI DELLA SPECIE DI “ASSOCIAZIONE A DELINQUERE” CHE HA PILOTATO LA FACCENDA LI FAREMO AL GIUDICE

Il Comune di Marostica decide di cambiare gestore del gas. Indice l’appalto. È evidente che quanto paga il nuovo gestore deve essere uguale a quanto concordato per legge con il gestore uscente.
Italgas, gestore uscente, valuta l’impianto 5.367.000 euro. Successivamente riduce l’importo a 4.200.000 euro. Perché? La legge prevede che non possono essere considerati nel valore gli allacciamenti all’impianto pagati dagli utenti. Sarebbe un illecito arricchimento per Italgas. Quindi vanno detratti.

Ma il Comune di Marostica ignora questo fatto è detrae ancora gli allacciamenti, con anche l’economia di scala per un ipotetico nuovo impianto, anche questa già precedentemente detratta da Italgas, dai 4.200.000. Insomma si arriva agli agognati 3.015.000 euro detraendo due volte le stesse cose. La prima volta da Italgas, la seconda dal Comune. Una truffa bella e buona.
Ovviamente Italgas non accetta questa illegale detrazione e resta ferma alla richiesta di 4.200.000. Intanto l’appalto procede con l’assegnazione ad Ascopiave dell’impianto per 3.015.000. Soldi che vengono girati a Italgas.
Subentra alla Giunta Scettro, che ha deliberato l’appalto, la Giunta Dalla Valle, che subito è pressata da Italgas per ricevere la cifra mancante differenza tra 4.200.00€ e 3.015.000€.
La Dalla Valle capisce tutto l’imbroglio e si precipita da Italgas chiudendo la faccenda con il pagamento totale di 3.925.976,30 euro. Ottiene quindi uno sconto.
Ma il fatto grave, una vera e propria truffa, è come vengono richiesti i 910.000 euro mancanti al Consiglio Comunale di Marostica. Il “super tecnico delle perizie giurate” dichiara in modo spudorato e falso che la normativa è cambiata e quindi nella valutazione vanno inseriti gli allacciamenti. È una vera illegalità e presa per i fondelli. In realtà è appena uscito il decreto legislativo che ribadisce il contrario: cioè gli allacciamenti non vanno sempre mai considerati.

Per quanto concerne la composizione di questa specie di “associazione a delinquere” promotrice di una simile costosa farsa faremo i nomi al Giudice.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica

L’INFAMANTE ACCUSA DI MARICA DALLA VALLE, EX SINDACO DI MAROSTICA. DOMANI A PROCESSO

Siamo stati accusati di diffamazione per aver affermato che Marica Dalla Valle ha coperto i responsabili dell’appalto truccato del cambio di gestore del gas. E lo ha fatto spudoratamente dopo averci detto lei stessa che l’appalto era truccato.
Ovviamente ci ha denunciato utilizzando i soldi del Comune, mentre noi avendo ragione ci dobbiamo pagare tutte le spese.
Una vergogna che accadano simili fatti. Noi abbiamo denunciato sul nostro blog che sono stati pagati ben 910.000 euro per un appalto palesemente manipolato.

Una persona con un minimo di intelligenza capirebbe che mai ci esporremmo con una simile affermazione se non ne fossimo certi. Rispetto a Marica Dalla Valle abbiamo una reputazione di oltre trent’anni di attività manageriale che mai potremmo inficiare affermando puttanate.

L’appalto di cambio di gestore del gas è stato truccato per evidenti interessi. Lo dimostreremo davanti al Giudice.

E Marica Dalla Valle ora scende in politica candidandosi al Parlamento. Dovrebbe moralmente almeno aspettare se la sua denuncia nei nostri confronti abbia dei riscontri di prova. Perché truccare un appalto sottraendo alla comunità di Marostica 910.000 euro è un atto politico ignobile.

Osservatorio Economico Sociale di Marostica